Percorsi di visita

Comment are off

Percorso 1 – Castello – Da Falcone d’Italia a Cidneon

Il Castello di Brescia domina sin dal medioevo la città, ospitando di volta in volta le diverse truppe di chi si è avvicendato al potere. Nel 1902 viene dichiarato monumento nazionale e dopo pochi anni viene acquisito dal Comune di Brescia, che comincia un lungo processo di integrazione con il resto della città: da luogo brullo e separato, scenario delle vicende risorgimentali, fino a divenire un grande parco dalla vegetazione rigogliosa, meta prediletta delle gite domenicali delle famiglie e delle coppiette in cerca di scenari romantici, ma anche luogo di divertimento e cultura (cinema estivo all’aperto, musei, manifestazioni culturali, come Musical zoo o Cidneon). Itinerario a piedi.

Percorso 2 – La memoria delle due guerre – Un memoriale a cielo aperto

I conflitti mondiali furono un grande trauma per la popolazione bresciana, che a guerre concluse sentì la necessità di ricordare coloro che si sacrificarono per la Patria. In questo percorso scopriremo quali furono le iniziative volte a consegnare alla memoria fatti e personaggi che scrissero la storia e quale fu il ruolo dei simboli e dell’arte.
Itinerario a piedi. 

Percorso 3 – Correva l’anno – Brescia nel ‘900

Questo percorso si snoda tra le vie cittadine per ripercorrere attraverso la narrazione i luoghi e i fatti salienti che hanno caratterizzato il XX secolo a Brescia: dall’esposizione universale del 1904 alla strage di piazza della Loggia, dal recupero del Monastero di Santa Giulia come Museo della Città al “progetto Carmine” e MO.CA., dalla nascita di Arturo Benedetti Michelangeli, alla prima messa di Don Montini, futuro papa Paolo VI. Itinerario a piedi.

Percorso 4 – Il gusto di Brescia – Ovvero come riscoprire la città dai suoi negozi storici.

L’itinerario traccia un’inedita mappa in grado di ricostruire la storia dei bar e dei ritrovi pubblici in città all’inizio del Novecento. Seguendo il filo di una dinamica in continua evoluzione, che ogni anno ha modificato il panorama delle abitudini urbane, ci immergeremo con l’immaginazione nell’atmosfera del Caffè dell’Hotel Gallo all’angolo di piazzetta Paganora, che nel 1904 ospitò Giacomo Puccini, fino a scoprire che all’ultimo piano della torre INA di piazza Vittoria, un ristorante offriva una delle viste più belle della città. Itinerario a piedi.

Percorso 5 – Brescia: che musica! –  Da Benedetti Michelangeli alla Festa dell’Opera

La città di Brescia vanta una lunga e gloriosa tradizione musicale, annoverando tra i suoi cittadini Luca Marenzio e Benedetto Marcello, oltre alle spoglie dell’inventore del violino Gasparo da Salò. Nel ‘900 la tradizione ha continuato a dare frutti di rilievo: dal successo della Madama Butterfly di Puccini nel 1904 al teatro Grande, alle esecuzioni di Arturo Benedetto Michelangeli (considerato uno dei più grandi pianisti del secolo), fino alle composizioni di Facchinetti, Togni e Tessadrelli. Questo itinerario vi guiderà nei luoghi più significativi della musica bresciana. Itinerario a piedi.

 Percorso 6 – Percorsi di Memoria – Dalla Resistenza alla strage di piazza Loggia

A Brescia esistono percorsi meno evidenti ma certo altrettanto coinvolgenti, soprattutto se protagonista è la Memoria, sempre difficile da conservare. Con questo proposito Guida Artistica ripercorre le tracce di una storia spesso dimenticata, alla ricerca dei luoghi e della presenza degli ebrei in città, dall’epoca romana fino alla loro deportazione durante il secondo conflitto mondiale, come ricordano le Pietre di inciampo. Attraverseremo le successive “ferite” di Brescia lungo il Memoriale delle vittime del terrorismo e della violenza politica, avendo sempre come meta la Libertà, in nome della quale molti morirono e lottarono. Itinerario a piedi.

Percorso 7 – E oggi come mi muovo? – Dal tram a cavallo alla metropolitana

L’itinerario che si snoda dalla fermata della metropolitana San Faustino fino alla stazione ferroviaria, sarà la linea del tempo lungo la quale ripercorrere la storia della mobilità in città, da quella ancora affidata alle carrozze nella seconda metà del Settecento, alla recente metropolitana leggera. Nel mezzo, la storia dello chalet nell’allora piazza Duomo, della prima biglietteria per le tranvie urbane ed extra-urbane; fino all’arrivo della filovia nel 1935, che 30 anni dopo lascerà il posto al tipico autobus giallo-arancio.  Itinerario in Metro e bicicletta.

Percorso 8 – Il quartiere del Carmine – Tra miseria e nobiltà

Il quartiere ribelle di Brescia e le antiche vie dell’Eros. L’itinerario si dipana in pieno centro storico attraverso le tappe più significative e descrive il cambiamento a seguito del popolamento del quartiere Carmine e la sua connotazione di quartiere a luci rosse, quale groviglio di vie e stradine a ridosso delle nuove fabbriche e caserme.
Itinerario a piedi o in bicicletta.

Percorso 9 – Brescia liberty – Lo stile floreale in città

 Alla fine del XIX secolo l’Europa è attraversata da uno stile fresco e innovativo, che cercava la sua fonte d’ispirazione nella natura e nelle forme vegetali, perseguendo la coerenza stilistica e progettuale tra forma e funzione. In un periodo caratterizzato dall’emergere di nuove classi sociali, dall’entusiasmo per l’Esposizione Universale del 1904, dall’utilizzo di nuovi materiali costruttivi come ferro, vetro e cemento, il Liberty si diffonde anche a Brescia, lasciando tracce significative che merita riscoprire. Itinerario in bicicletta.

Percorso 10 – Confini che cambiano – Una città in evoluzione

L’itinerario ripercorre le vicende di alcuni luoghi di Brescia che negli ultimi 150 anni hanno subito trasformazioni, abbandoni e stratificazioni. Da piazza Garibaldi, un tempo ingresso monumentale alla città e ora crocevia di boulevard di grande scorrimento, alla “zona degli arabi”, occupata dal 1917 da centinaia di libici indotti a trasferirsi dal Governo italiano per lavorare nelle fabbriche da poco sorte a sud di via Milano. Le tappe saranno occasione per raccontare anche la storia degli odori e il cambiamento dei paesaggi sonori in città. Itinerario in bicicletta.

vai al catalogo interattivo
torna alla pagina principale

 

 

About the Author